Reiki è...

 luce nelle parole, luce nei pensieri, luce nel cuore

Sull'energia universale si sono versati e si continuano a versare fiumi di inchiostro. Non è perciò mia intenzione ribadire concetti che si possono trovare con grande facilità nel web o nei libri del settore. Qui desidero solamente esprimere il mio personale punto di vista che nasce da un'esperienza molto intensa che ormai vivo in modo costante dal 2005.

Acheronte 02.jpg

È energia d'amore

Ai miei allievi suggerisco sempre di considerare la disciplina del Reiki principalmente come un meraviglioso strumento per realizzare il proprio percorso di crescita interiore. Percorso che nulla ha a che fare con la religiosità in quanto trascende qualunque tipo di fede. Reiki è una pratica che può essere seguita non solo dagli adepti di qualunque credo religioso ma anche da chi non ripone fede in alcuna forma di Energia Superiore.

Reiki è un’energia che si connette con noi permettendoci di risvegliare la scintilla divina sopita nel nostro cuore. Noi abbiamo dimenticato chi siamo e da dove veniamo nel momento stesso in cui abbiamo deciso di intraprendere il nostro cammino su questo pianeta. Che lo vogliamo o no, Reiki ci riconduce alla vera essenza di noi stessi, ci consente di riscoprire il nostro potere personale, risveglia il cuore all'amore più profondo verso il creato e le sue creature, apre la mente alla vera saggezza di vita che noi, erroneamente, interpretiamo come acquisizione di conoscenza.

Mare 05.jpg

È energia intelligente

Reiki è un lungo cammino di consapevolezza ma chi lo intraprende viene inevitabilmente coinvolto nella legge di questa energia inesauribile, che tutto permea e che a tutto dà vita. Siamo immersi in essa, da essa traiamo la linfa vitale per esistere ma non ci rendiamo conto che è un potere d'amore che ci è stato donato e che noi dobbiamo solo imparare ad usare.

Lavorare su noi stessi con il Reiki o praticarlo agli altri come terapia ci rende canali sempre più puri di questa vibrazione elevata che cambia la vita dentro e fuori di noi. È un'energia intelligente, che sa dove dirigersi perché conosce i nostri mali più nascosti, operando a livello cellulare una trasformazione profonda, graduale e rispettosa. Non dobbiamo opporre resistenza, ma solo abbandonarci ad essa.

Il Reiki è per tutti anche se non tutti sono in grado di capirne il significato autentico.

Poli 04.JPG

È energia universale

È solo casualmente che chi abbia riscoperto Reiki fosse un giapponese. Di per sé, la pratica dell'imposizione delle mani per guarire le malattie è una conoscenza condivisa da tutta l'umanità, che però si è persa nel tempo. Ma se il Reiki originario è stato canalizzato dal giapponese Mikao Usui, per contro il Karuna Reiki (una forma di energia ancora più forte) è stato canalizzato e diffuso da un gruppo di Master nord-americani coordinati da William Rand. Ora abbiamo anche il nuovissimo Reiki delle Stelle®, canalizzato ed elaborato in Sardegna ad opera di un pool di Reiki Master di cui faccio parte.
Tutto ciò a riprova che Reiki è un'energia universale e non può essere considerato patrimonio esclusivo di una cultura piuttosto che di un'altra.